E’ coraggioso e impegnativo il progetto dei ‘mille’ che ha intrapreso Maria Elena Tramelli con l’istituto comprensivo di Teglia, in quella Valpolcevea dove l’Iit ha porto il vento della ricerca e dell’innovazione.

A “forza di essere vento” la gioventù dei minori di cui si occupa Alpim, associazione di volontariato genovese nata nel 1989 e oggi guidata dall’instancabile Carlo Castellano, è fatta da bambini e ragazzi per i quali occorre trovar il mondo per guidarli alla conoscenza di base sulle ali della cusriosità , eliminando l’ansia da prestazione.

Da Genova può partire una rivoluzione immersa nell’innovazione scientifica e della disponibilità di un patrimonio culturale in modo unico ed esemplare a livello nazionale ed europeo. Una rivoluzione scientifica, tecnologica e umanistica che per essere tale non può che essere pedagogica riflettendo il ragionamento portato dal giovane e brillante Eugenio Damasio, mediatore di comunicazione al gruppo di lavoro di Alpim.

Articolo La Repubblica